Tavola disegno 1 copia 4@2x 2
Le ricerche di neuromarketing per conoscere lo shopper
25 febbraio 2021 La teoria economica ha sempre affermato dai tempi di Smith e di Ricardo che l’uomo è un animale razionale. Questo postulato oggi non appare più tale perchè numerose ricerche fatte in seguito hanno dimostrato che aspetti relazionali,emotivi, di processo vanno ad interferire sui risultati delle ricerche classiche dove c’è un intervistatore ed un intervistato. Negli ultimi anni sono emersi una serie di strumenti che rilevano in automatico gli atteggiamenti, i comportamenti, i vissuti, i portati emotivi, quindi senza una mediazione tra una persona che intervista ed una che viene intervistata. Ed alcuni enti (Esomar) affermano già che questi nuovi sistemi saranno il futuro (ed il presente in questa fase covid in cui il rapporto one-to- one è sempre più complesso) delle attività e delle analisi per andare a capire il comportamento dello shopper. I due grandi filoni d’innovazione nelle ricerche shopper sono: i sensori applicati a scaffale/fuori banco permettono di misurare in modo continuativo, non invasivo e, se fatto in modo corretto, totalmente ‘privacy compliant’ tutto quello che accade davanti ad uno scaffale o ad un extra display: contano, segmentano gli shopper, misurano i suoi acquisti, le vendite andate a buon fine, le vendite perse, le vendite da scaffale e da fuori banco. Dall’altra parte abbiamo invece i sensori che rilevano le emozioni, i percorsi di esplorazione visiva, l’attenzione, Vengono applicati principalmente in laboratorio, ma con le opportune cautele possono essere usati anche all’interno di punti vendita veri. Mettendo insieme queste due modalità di raccolta si ottengono dati molto veritieri che raccontano una situazione reale. Sia sulla persona, shopper e sul suo comportamento davanti a uno scaffale, sia sulle sue motivazioni che lo portano a scegliere un prodotto piuttosto che un altro. Abbiamo invitato oggi Andrea Ciceri, Founder di SenseCatch, società che prevalentemente analizza il comportamento dello shopper e del consumer con una serie di tecnologie che permettono di andare a capire il vissuto emotivo inconsapevole dello shopper. E’ possibile scaricare da qui http://www.saveas.it/ftp/shopper_team_ciceri_sensecatch.pdf le slide del suo intervento. Per un incontro di approfondimento sul neuromarketing potete contattarci qui contact@shopperteam.it. Per esigenze specifiche su attività shopper, questi sono i nostri riferimenti: matteo.testori@dialogica.it ANALISI SHOPPER ebovone@saveas.it SHOPPER ENGAGEMENT/COMMUNICATION diego.rovetta@immediando.com RILEVAZIONE DATI

One thought on “Le ricerche di neuromarketing per conoscere lo shopper

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *